Telefonica va sbattere sul Brasile. Il procuratore generale del Cade, l’Antitrust brasiliano, ha proposto una multa di 15 milioni di reais (circa 5 milioni di euro) nei confronti del gruppo spagnolo per aver aumentato la partecipazione nella società italiana, ritenendo la mossa in contrasto con gli accordi del 2010 che prevedevano la separazione delle due società che sono concorrenti sul mercato brasiliano.

L’autorità raccomanda quindi la vendita immediata delle azioni Telco, la holding che controlla Telecom della quale Telefonica si appresta a diventare il primo azionista. Una fonte Cade ha riferito all’Ansa che una decisione sulla vicenda dovrebbe arrivare il prossimo 4 dicembre. Gilvandro Vasconcelos Coelho de Araujo, procuratore generale dell’authority brasiliana, ha in sostanza proposto la sanzione al tribunale interno del Cade, che si riunisce ogni due settimane. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Telecom Italia, l’Ue chiede chiarimenti a Roma sul golden power

prev
Articolo Successivo

Stipendi, salgono quelli dei banchieri, mentre i lavoratori dipendenti soffrono

next