I carabinieri di Viemercate lo hanno arrestato in Brianza, dove da qualche mese aveva trovato rifugio. Rocco Camillò, 35 anni calabrese, aveva scelto la zona della Martesanaper tenersi lontano dagli investigatori. I militari lo tenevano d’occhio da qualche giorno, l’hanno individuato presso il centro commerciale Carosello di Carugate e l’hanno seguito fino a Corsico (Milano). Dove Camillò è stato fermato subito dopo l’uscita dalla tangenziale”. 

Camillò, pregiudicato, è sospettato di essere alla guida di un’organizzazione legata alla ‘Ndrangheta della provincia di Reggio Calabria, dedita al traffico di droga tra Calabria e Campania. L’ordinanza è stata emessa dal gip del tribunale di Roma, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia della Capitale, nell’ambito della maxi inchiesta “Forte e chiaro” che a giugno aveva portato all’arresto di 11 persone.
Un’informativa dimostrava la temporanea presenza dell’uomo nella zona della Martesana, che è stato trasferito nel carcere di Pavia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ciclone Sardegna, seminterrati e scantinati abitabili grazie al piano casa della Regione

prev
Articolo Successivo

Tav, la Corte dei Conti apre un fascicolo sui costi della Torino-Lione

next