Tabula rasa. Per rilanciare il sistema produttivo italiano occorre lasciare andare pezzi di economia decotti, investire in nuovi settori, innovare prodotti e servizi, e anche gli imprenditori si devono dare una mossa.

Perché la crisi italiana non c’entra nulla con il crack Lehman Brothers, è una cosa che arriva da (molto) prima. E’ questo il quadro abbastanza desolante che esce dal Diciottesimo Rapporto annuale sull’economia globale e l’Italia, presentato  lunedì a Milano. Lo studio, in collaborazione tra il Centro di ricerca e documentazione Luigi Einaudi e Ubi Banca, e coordinato dall’economista Mario Deaglio, dice con chiarezza quello che in molti – considerati pessimisti – andavano pensando da tempo. Che l’Italia è arrivata al 2007 come “anatra più zoppa delle altre”, letteralmente, protagonista di un “disimpegno industriale” che ha visto gli imprenditori (oltre allo Stato) rifugiarsi in un alibi fatto di denaro a basso costo e relativa finanziarizzazione dell’economia (in parole povere, il vecchio adagio italiano di impresa povera e imprenditore ricco).

Il risultato è che dal 2007 a oggi il Pil italiano ha perso 9 punti percentuali, come cedere insieme la ricchezza di Piemonte e Valle d’Aosta, mentre il manifatturiero ha perso ben il 24 per cento: insomma, un quarto della capacità produttiva italiana si è dissolta. Come uscire dallo stallo? Secondo lo studio di Deaglio non si possono fare aggiustamenti di facciata perché il problema è strutturale: dunque bisogna “toccare il fondo”, lasciar andare interi distretti industriali, in soldoni produzioni a basso valore aggiunto che ormai nell’Est Europa e in Cina fanno meglio di noi –  e a costi infinitamente minori – e puntare su altro. Il futuro è imprevedibile. Di certo, imprenditori innovativi, e il contributo delle start-up sarà determinante. Riusciremo  a risalire la china? La risposta non è per niente scontata.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reddito minimo, problemi aperti e la mancata soluzione del governo

next
Articolo Successivo

Pensioni d’oro e assistenzialismo, sulla previdenza solo propaganda

next