Il Movimento 5 Stelle chiede alla presidenza del Senato di calendarizzare una mozione di sfiducia contro il viceministro Vincenzo De Luca. E lo fa attraverso Andrea Cioffi che in Aula afferma: “Se è vero che a destra c’è puzza, c’è puzza anche a sinistra. C’è molta puzza qui dentro”. “Abbiamo saputo – aggiunge Cioffi – che il viceministro delle Infrastrutture risulta indagato, un avviso di garanzia non si nega a nessuno, per gravi fatti per i quali abbiamo anche presentato quattro interrogazioni parlamentari e sono state sporte 23 denunce alla procura della Repubblica, la quale solo adesso si è mossa. Mi sembra di ricordare una certa inerzia amministrativa in passato, visto il ruolo dell’ex procuratore di Salerno, ma lasciamo stare”. “Se De Luca non vuole dimettersi da sindaco di Salerno – prosegue – levategli le deleghe. Abbiate il coraggio di fare almeno questo. Ci chiediamo a chi e a che cosa serve questa farsa destinata a proseguire a lungo”. 

Il sindaco di Salerno De Luca è da oltre 200 giorni teoricamente “incompatibile” perché è stato nominato viceministro di Infrastrutture e Trasporti, ma non si è mai dimesso da primo cittadino della città campana. Lui ha anche sempre spiegato che in realtà non è mai stato formalmente viceministro perché non gli hanno mai assegnato deleghe. A questo si è aggiunta la notizia dell’iscrizione del suo nome nel registro degli indagati per la questione del Crescent, nell’opera di riqualificazione del lungomare salernitano. Ma ancora stamani, in un’intervista a Repubblica, De Luca aveva detto: “Dimettersi se indagati? In un paese nel quale le iniziative giudiziarie durano 15 anni e si concludono nel nulla? Sarebbe pazzia, barbarie giudiziaria. Ci si dimette per condanne definitive, salvo che per ipotesi di reato infamanti”. 

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Civati: l’anti-leader

next
Articolo Successivo

Prato, contro l’immobilismo politico perché non imparare il cinese?

next