Altri clienti e altre ragazze potrebbero essere coinvolte nell’inchiesta sulle due minorenni che in una spoglia stanza dei Parioli incontravano i clienti. Già una decina di persone sono stati denunciati dalla procura di Roma. Ma il procuratore aggiunto Maria Monteleone e il pm Cristiana Macchiusi, titolari dell’indagine, vogliono chiarire ogni elemento di questa brutta storia, che ha portato già all’arresto di cinque persone. Per questo dallo scambio di sms tra le ragazze e i clienti si cerca di capire se anche le loro amiche hanno in qualche modo partecipato agli incontri sessuali.

I carabinieri di via in Selci stanno cercando di ricostruire tutto proprio dalle intercettazioni. Molte sono finite agli atti. Come quella tra la quindicenne Emanuela (nome di fantasia) e la madre, finita in cella. La conversazione risale all’11 ottobre scorso. Ecco, allora, il dialogo

Madre : Allora… mi ha chiamato la tua professoressa di latino (…) voleva sapere perché non stai andando… Gli ho detto: guardi che non si sente bene. (…) . Ha detto no, a noi interessa che la ragazza venga a scuola perché con il programma andiamo avanti, vorrei parlare con lei… e risiamo alle solite… Mi ha detto: pensa che domani verrà a scuola? Allora tu che cosa hai intenzione di fare? Dimmelo perché se no andiamo lì… ci prendiamo in giro … andiamo dagli insegnanti e glielo diciamo.

Figlia : Ma io voglio andarci a scuola… è solo che non c’ho tempo per fare i compiti.

M: Vabbè, il tempo si trova per fare i compiti.

F: Ma quando si trova mamma?

M: Quando esci da scuola torni a casa… due ore studi… tre ore…

F: Non ce la faccio se studio prima.

M: Allora non sai studià (…) Io studiavo la sera, qual è il problema? Devi trovare un modo per organizzarti.

F: Non ce la faccio perché dopo che ho studiato sono stanca.

M: Allora devi fare una scelta… puoi alternare i giorni… Qui una soluzione bisogna trovarla perché non è che… allora rifletti bene su questo aspetto della scuola per cortesia. Perché se no è inutile che… io ti ritiro e…

F: Non mi puoi ritirare mamma non c’ho 16 anni, non lo puoi fare.

M: Apposto, allora ce devi andà fino a che non…

F: Mamma ci voglio andare, però non voglio andarci senza aver fatto i compiti.

Poi la madre si sarebbe proposta di aiutare la figlia a studiare per due ore al giorno, per poi andare al “lavoro”. Altra conversazione finita agli atti, risale al 7 ottobre scorso.

Madre : Senti un po’… ma tu che fai? Non te movi oggi?

Figlia : No ma’ perché sto male.

M: E come facciamo? Perché io…

F: Certificato medico.

M: Eh, lo so me… l’ho chiamata.

F: I compiti… eh, appunto.

M: E come facciamo perché io sto a corto? Dobbiamo recuperà.

F: Eh, domani vedo che posso fà… comunque pure se… comincio tardi, cioè oggi ma’, veramente sto male.

M: no no, bè che c’entra.. certo, ma che sta a scherzà? Assolutamente…

F: Domani dopo scuola si vede.

M: Ma ce la facciamo a recuperarla sta settimana?

F: Ma come no, avoja

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Finmeccanica vende 8 elicotteri da attacco alle Filippine in guerra. Ma la legge lo vieta

next
Articolo Successivo

Satellite Goce, Esa: “Nessun frammento cadrà in Europa. Australia a rischio “

next