Giudizio immediato per Roberto Calderoli. Lo ha chiesto la Procura di Bergamo per la frase offensiva che il vicepresidente del Senato rivolse al ministro dell’Integrazione Cécile Kyenge durante un comizio. “Quando vedo la Kyenge non posso non pensare ad un orango. Queste le parole che l’esponente della Lega Nord pronunciò lo scorso 12 luglio durante la festa del partito a Treviglio, nella Bassa bergamasca. Calderoli è indagato per “diffamazione aggravata dalla discriminazione razziale”.

La Procura della Repubblica del capoluogo lombardo, in seguito a un esposto della Codacons nel quale si allegava l’audio del discorso, iscrisse il vicepresidente del Senato nel registro degli indagati. La dichiarazione dell’esponente del Carroccio aveva fatto il giro del mondo e da più parti era arrivata la richiesta di dimissioni. “E’ un atto dovuto”, questo il commento del leghista appena apprese la notizia di essere indagato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tentata estorsione a Berlusconi, Lavitola condannato in appello a 1 anno e 4 mesi

prev
Articolo Successivo

Mediaset, commissione Csm: “Archiviare la posizione del giudice Esposito”

next