“Un provvedimento esorbitante e grave”. Così Armando Cusani, presidente della Provincia di Latina, ha commentato la decisione del prefetto di sospenderlo dalle sue funzioni per 18 mesi. Il funzionario non aveva fatto altro che applicare la legge Severino, tanto odiata dal Pdl in quanto responsabile della possibile decadenza di Silvio Berlusconi da senatore. Cusani, infatti, ha ricevuto due condanne in primo grado per abuso d’ufficio e concorso in abuso d’ufficio. “L’applicazione della legge Severino va valutata caso per caso”, ha protestato il presidente della Provincia, sostenendo che il provvedimento di sospensione “priva delle funzioni fondamentali la massima espressione del governo locale, senza una seria valutazione di merito, facendo di tutta un’erba un fascio“.

Armando Cusani ha indetto una conferenza stampa per annunciare che si opporrà “in tutte le sedi possibili e immaginabili” contro la decisione del prefetto, che giudica “sbagliata sia nella forma sia nella sostanza”, anche “ponendo in campo una forte campagna sulla consistenza di questa ingiustizia. Che, ripeto, è perpetrata all’intera Provincia di Latina e non a me personalmente”. Il politico si è scagliato anche contro Latina oggi, la prima testata a pubblicare la notizia, con cui Cusani ha da tempo un contenzioso aperto. Al cronista del quotidiano è stato impedito di partecipare alla conferenza stampa: per solidarietà anche altri colleghi hanno deciso di disertare l’appuntamento.

La legge prevede un reintegro delle funzioni se, nei 18 mesi di sospensione, dal tribunale di secondo grado arriverà una pronuncia che ribalterà la condanna. Alle prossime elezioni, il presidente della Provincia potrebbe quindi ricandidarsi. “Nelle prossime ore terminerò il giro di consultazione e adottata la decisione la comunicherò a tutti – ha fatto sapere – Sono assolutamente convinto che in questa fase ci sia da fare una valutazione tra gli interessi della comunità rispetto al programma di governo che stiamo portando avanti. Vi sono in corso lavori nelle scuole importantissimi, lavori nella sicurezza stradale, provvedimenti da adottare per il sociale. Questi gli interessi che sono prevalenti per il bene comune, e noi abbiamo sempre agito per il bene comune”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Alitalia, inchiesta sull’utilizzo della cassa integrazione per 250 dipendenti

next
Articolo Successivo

Cancellieri a portata di tutti

next