La Procura di Torino ha dato parere favorevole al patteggiamento di Jonella Ligresti. Nei giorni scorsi i legali della figlia dell’imprenditore Salvatore Ligresti avevano proposto una pena a tre anni e quattro mesi di reclusione per uscire dal processo Fonsai. Spetterà al giudice per l’udienza preliminare decidere se accogliere la richiesta. 

Per Jonella, come per il padre, l’appuntamento con il tribunale è fissato il 4 dicembre, quando si aprirà il processo con rito immediato per il falso in bilancio di Fonsai.

Quello di Jonella è il secondo patteggiamento dopo quello della sorella Giulia. La donna, alla cui salute si è interessata il ministro Cancellieri suscitando le polemiche degli ultimi giorni, è uscita dall’inchiesta della procura di Torino sulla compagnia assicurativa con una pena di 2 anni e 8 mesi, ventimila euro di multa e la confisca di quote immobiliari e polizze assicurative del valore di alcuni milioni di euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caso Ruby, diffamò Imane Fadil: Emilio Fede condannato a risarcimento

next
Articolo Successivo

Ministro Cancellieri: umanamente si dimetta

next