La Procura di Torino ha dato parere favorevole al patteggiamento di Jonella Ligresti. Nei giorni scorsi i legali della figlia dell’imprenditore Salvatore Ligresti avevano proposto una pena a tre anni e quattro mesi di reclusione per uscire dal processo Fonsai. Spetterà al giudice per l’udienza preliminare decidere se accogliere la richiesta. 

Per Jonella, come per il padre, l’appuntamento con il tribunale è fissato il 4 dicembre, quando si aprirà il processo con rito immediato per il falso in bilancio di Fonsai.

Quello di Jonella è il secondo patteggiamento dopo quello della sorella Giulia. La donna, alla cui salute si è interessata il ministro Cancellieri suscitando le polemiche degli ultimi giorni, è uscita dall’inchiesta della procura di Torino sulla compagnia assicurativa con una pena di 2 anni e 8 mesi, ventimila euro di multa e la confisca di quote immobiliari e polizze assicurative del valore di alcuni milioni di euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Caso Ruby, diffamò Imane Fadil: Emilio Fede condannato a risarcimento

prev
Articolo Successivo

Ministro Cancellieri: umanamente si dimetta

next