Lo spettacolo di Dario Fo tratto dal libro di Franca Rame In fuga dal Senato non verrà rappresentato all’Auditorium della Conciliazione di Roma. Il Vaticano, proprietario del teatro, non ha dato l’ok. Ieri la denuncia del premio Nobel che giudica la decisione “un autogol tremendo, soprattutto con un papa come Francesco”. Oggi interviene sulla vicenda padre Federico Lombardi, che interpellato dall’Ansa spiega: “Dopo queste uscite mediatiche, che cercano di mettere in mezzo il Vaticano e il Papa in modo non corretto e forse addirittura strumentale, penso proprio che sia meglio che lo spettacolo non si faccia all’Auditorium”.

Secondo il direttore della sala stampa della Santa Sede, “nessuna autorità vaticana ne sapeva nulla, né alla Presidenza dell’Apsa, proprietaria dell’Auditorium, né in Segreteria di Stato, né ai Consigli della Cultura o delle Comunicazioni Sociali”. Diversa la ricostruzione di Fabrizio De Giovanni, che da anni lavora a fianco di Fo nell’organizzazione dei suoi spettacoli: “Quando è emersa la volontà di portare questo spettacolo in dieci teatri italiani – ha raccontato – per la tappa romana non abbiamo esitato a chiedere la disponibilità dell’Auditorium della Conciliazione. All’inizio ci è arrivata una risposta entusiastica. Poco dopo, però, è arrivato lo stop, prima a voce poi per iscritto”. Un diniego chiarissimo e incomprensibile, secondo lui: “Il no allo spettacolo di Dario è arrivato dalla società ‘I borghi srl’ (la concessionaria che gestisce l’auditorium, ndr) che a sua volta l’ha ricevuto dall’Apsa (Amministrazione del patrimonio della sede apostolica)”. Quindi, ha proseguito, “direttamente dalla Santa Sede che, a quanto pare, non gradisce questo spettacolo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Papa Francesco, pronto un sondaggio tra i fedeli su divorzio e matrimoni gay

prev
Articolo Successivo

La Corsa dei Santi blocca Roma. Cittadini in “ostaggio” nel loro quartiere

next