Giuseppina Puccio, la disabile palermitana di 62 anni uccisa dal fratello Francesco Puccio di 58 anni, che poi si è gettato dal sesto piano, avrebbe tentato di uccidersi tagliandosi le vene delle braccia con due coltelli. Ma non riuscendo a togliersi la vita ha chiesto al fratello Francesco di aiutarla. “Sono stanca di vivere – ha scritto nella lettera d’addio – Per questo ho chiesto a mio fratello di aiutarmi a uccidermi. Lui non c’entra niente“.

Dopo averla uccisa mettendole un sacchetto di plastica in testa, l’uomo, un bancario molto stimato dai colleghi, per la disperazione si è gettato dal balcone, al sesto piano di via Albricci, nella zona dello Sperone a Palermo. Sarà il medico legale, che seguirà l’autopsia sui due corpi, ad accertare le cause del decesso della donna, ma l’ipotesi più accreditata dagli uomini della sezione omicidi della Squadra mobile è proprio quella del tentato suicidio della donna che poi si è rivolta al fratello per uccidersi.

E lui, per il rimorso, si è gettato dal balcone. Secondo quanto raccontano i vicini di casa, Francesco Puccio, da otto anni, cioè da quando era morta l’anziana donna dei due fratelli, si sarebbe preso cura della sorella disabile, sulla sedia a rotelle e con problemi psichici. I due conducevano una vita molto riservata.

Buttandosi giù dal balcone, Puccio è piombato nel terrazzo al piano terreno di un’abitazione dove stava giocando un bambino. L’uomo era funzionario dell’Unicredit a Palermo e si occupava della sorella da molti anni. La donna aveva un disagio psichico che cominciò con una depressione dopo la laurea. Ultimamente era costretta su una sedia a rotelle e usciva molto raramente accompagnata dal fratello. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Corsa dei Santi blocca Roma. Cittadini in “ostaggio” nel loro quartiere

next
Articolo Successivo

Venezia come Coney Island, ecco l’isola culturale ma con le montagne russe

next