Il Pd è favorevole. La Cgil no. Il disegno di legge sulle riforme costituzionali al Senato incassa il terzo sì e attende il quarto nell’Aula di Montecitorio e trova nel Partito Democratico il suo sostenitore, fedele ben più del Pdl. Ma gli avversari dei democratici su questa partita sono soprattutto nel proprio campo. Se Sinistra Ecologia e Libertà – unico gruppo con i Cinque Stelle – ha infatti votato contro manifestando il dissenso in Aula indossando i fazzoletti rossi dei partigiani, è anche e soprattutto la Cgil a far sentire la propria voce dall’esterno del Parlamento. Il provvedimento, spiega il segretario confederale Danilo Barbi, vuole promuovere un processo di riforma della Costituzione, introducendo un procedimento speciale che ignora quanto disposto dalla stessa Carta per le modifiche costituzionali, derogando alla normale procedura prevista dall’articolo 138 della Costituzione”.

Barbi annuncia che il sindacato “contrasterà le modifiche anche con lo strumento del referendum”. La Cgil, prosegue la nota, “vigilerà ” sui lavori della Commissione parlamentare e ribadisce che continuerà a difendere strenuamente i principi e i valori fondamentali della Carta costituzionale, come fatto da ultimo nel 2006 “con il vittorioso referendum costituzionale insieme all’associazione “Salviamo la Costituzione: aggiornarla non demolirla”. La Cgil, infatti, “non si sottrarrà dal contrastare nel merito, anche con lo strumento referendario, ogni ipotesi di modifica del nostro ordinamento che tradisca la perfetta funzionalità dell’architettura istituzionale o che miri allo stravolgimento dell’ordinamento della Repubblica, rompendo l’imprescindibile equilibrio di poteri tra governo e parlamento, come avverrebbe con il semipresidenzialismo o il premierato, e limitando la partecipazione plurale e la rappresentanza democratica”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PERCHÉ NO

di Marco Travaglio e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Stabilità, il Pd: “Troppi tagli alla giustizia”. Confindustria: “Manca stazza per ripresa”

next
Articolo Successivo

Napolitano vs il Fatto, le larghe fraintese

next