Il conduttore di ‘Virus’ (Rai Due), Nicola Porro, attacca l’ex direttore di Rai4 Carlo Freccero dagli studi di ‘Tv Talk’, in onda su Rai Tre. A innescare la polemica è una domanda che uno dei ragazzi del pubblico in trasmissione rivolge al giornalista, tra gli ospiti collegati: “Cosa risponde a Freccero che all’Espresso ha dichiarato: ‘Porro ha tutto: è bello, intelligente, mondano, conosce l’economia, ha un’agenda ottima. Ma a differenza di Telese non ha fame di successo. Appartiene alla categoria di quelli che vanno in vacanza a Saint Tropez, e che non sentono dal profondo la pulsione animale‘”. Piccata la replica del vicedirettore de Il Giornale: “Freccero è un arnese del passato, ma è una delle persone rare con cui tu parli e hai intelligenza che esce allo stato puro. Lui ha capito una cosa di me, per la quale sono ancora incazzato, e cioè che vado in vacanza a Sain Tropez. Questa cosa non me l’ha perdonata”. E aggiunge: “Freccero va in vacanza in un altro paesino vicino al mio, ma lì ci sono donne meno belle e gente meno ricca. E allora invito Freccero a venire con me a colazione, perché quello è un mondo pazzesco, come quello di Miss Italia e di Morandi”  di Gisella Ruccia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Più garanzie per i ‘pirati’ di farmaci che per quelli digitali

prev
Articolo Successivo

Compensi Rai, Grillo contro Fazio: “Stuoino del Pd”. Salta accordo con Crozza

next