Il sovraffollamento del centro d’accoglienza di Lampedusa, la destinazione delle bare concentrate sull’isola, la gestione dell’emergenza. Sono questi i temi che il Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, ha affrontato in quella che definisce una “una lunga, commossa e approfondita conversazione telefonica” con il sindaco di Lampedusa, Giusi Nicolini. “Lo scambio di idee partito dalla profonda impressione suscitata dalla nuova tragedia in mare si è concentrato sia sulle misure più immediate sia sugli interventi più organici da impostare in sede nazionale e in sede europea”, fa sapere una nota del Quirinale che spiega i contenuti del colloquio.

Nel comunicato, il Colle fa presente che “massima urgenza presenta il problema della destinazione delle bare che si sono accumulate nell’isola e del rapporto con le famiglie che giungono dai luoghi di provenienza delle vittime per identificare e riconoscere i loro cari”. Altro tema affrontato nella telefonata, quello del “trasferimento in altri centri siciliani dei sopravvissuti a cui l’isola non può ulteriormente garantire una civile assistenza“. La conclusione di Giorgio Napolitano è che le istituzioni locali abbiano bisogno di essere aiutate da un intervento dell’esecutivo: “Non c’è dubbio che occorra anche una presenza di coordinamento e di gestione dell’emergenza da parte di un nucleo di inviati del governo che fiancheggi le autorità locali”.

“Oggi mi ha chiamato il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, che si è informato su come stiamo affrontando questa emergenza e mi ha detto: ‘Vi sono vicino e vi seguo da vicino‘”. A commentare la telefonata del Capo dello Stato è il sindaco di Lampedusa, Giusi Nicolini. “Il Presidente – aggiunge – mi ha detto che si sta consultando con i vertici italiani ed europei per studiare una normativa che sia una via d’uscita per i profughi e i richiedenti asilo”. E conclude: “Il Capo dello Stato non ha escluso di venire a fare una sua visita sull’isola“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Immigrazione, Letta: “Abolirei la Bossi-Fini, ma va discussa in coalizione “

next
Articolo Successivo

Verona, l’uomo del sindaco Tosi sta con Priebke. “Capitano ora sei nei Campi Elisi”

next