Il premio Nobel per la Pace è stato istituito nel 1901 e non è stato conferito in 19 occasioni: durante la prima guerra mondiale (1914, 1915, 1916 e 1918, mentre nel 1917 andò alla Croce Rossa Internazionale), negli anni difficili tra le due guerre mondiali (1923, 1924, 1928 e 1932), durante la seconda guerra mondiale (1939, 1940, 1941, 1942 e 1943, mentre nel 1944 andò di nuovo alla Croce Rossa Internazionale, negli anni della guerra fredda (1948, 1955, 1956) e la guerra del Vietnam (1966, 1967, 1972). Ecco la lista dei premiati fino al 1947:

2013 – Organizzazione per la Proibizione Armi Chimiche (Opac)
2012 – Unione Europea
2011 – Ellen Johnson Sirleaf e Leymah Gbowee (Liberia) e Tawakul Karman (Yemen)
2010 – Liu Xiaobo (Cina)
2009 – Barack Obama (Usa)
2008 – Martti Ahtisaari (Finlandia)
2007 – Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), Al Gore (Usa)
2006 – Muhammad Yunus, Grameen Bank (Bangladesh)
2005 – Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea) e il suo direttore di allora, l’egiziano Mohamed ElBaradei
2004 – Wangari Maathai, (Kenya)
2003 – Shirin Ebadi (Iran)
2002 – Jimmy Carter (Usa)
2001 – Kofi Annan (Ghana) e le Nazioni Unite
2000 – Kim Dae Jung (Corea del Sud)
1999 – Medici senza frontiere (Francia)
1998 – John Hume e David Trimble (Irlanda del Nord)
1997 – Campagna internazionale per il bando delle mine antiuomo (Icbl) e il suo coordinatore Jody Williams
1996 – Vescovo Carlos Belo, Jose Ramos Horta(Timor Est/Indonesia)
1995 – Josef Rotblat (Gran Bretagna) a la Pugwash Conference
1994 – Yitzhak Rabin e Shimon Peres (Israele), Yassir Arafat, Organizzazione per la liberazione della Palestina (Olp)
1993 – Nelson Mandela, Fredrik Willem de Klerk (Sud Africa)
1992 – Rigoberta Menchu (Guatemala)
1991 – Aung San Suu Kyi (Myanmar)
1990 – Mikhail Gorbachev (Unione Sovietica)
1989 – Dalai Lama (Tibet)
1988 – Caschi Blu Onu
1987 – Oscar Arias Sanchez (Costa Rica)
1986 – Elie Wiesel, Romania-Usa
1985 – International Physicians for the Prevention of Nuclear War (Usa)
1984 – Desmond Tutu (Sud Africa)
1983 – Lech Walesa (Polonia)
1982 – Alva Myrdal (Svezia); Alfonso Garcia Robles, Messico
1981 – Alto commissariato Onu per i rifugiati
1980 – Adolfo Perez Esquivel (Argentina)
1979 – Madre Teresa di Calcutta, (Albania-India)
1978 – Anwar Sadat (Egitto), Menachem Begin, (Israele)
1977 – Amnesty International
1976 – Mairead Corrigan, Betty Williams, (Irlanda del Nord)
1975 – Andrei Sakharov (Urss)
1974 – Eisaku Sato (Giappone), Sean MacBride (Irlanda)
1973 – Henry Kissinger (Usa), Le Duc Tho, (Vietnam del Nord) (Tho ha declinato il premio)
1971 – Willy Brandt (Germania)
1970 – Norman E Borlaug (Usa)
1969 – Organizzazione internazionale del lavoro
1968 – Rene Cassin (Francia)
1965 – Fondo Onu per i bambini (Unicef)
1964 – Martin Luther King Jr (Usa)
1963 – Croce Rossa Internazionale, League of Red Cross Societies
1962 – Linus C. Pauling (Usa)
1961 – Dag Hammerskjold (Svezia)
1960 – Albert J Luthuli (Sud Africa)
1959 – Philip J. Noel-Baker (Gran Bretagna)
1958 – Georges Pire (Belgio)
1957 – Lester B. Pearson (Canada)
1954 – Alto Commissariato Onu per i rifugiati
1953 – George C Marshall (Usa)
1952 – Albert Schweitzer (Francia)
1951 – Leon Jouhaux (Francia)
1950 – Ralph J. Bunche (Usa)
1949 – Lord John Boyd Orr of Brechin Mearns (Gran Bretagna)
1947 –  Friends Service Council (Gran Bretagna), American Friends Service Committee (Usa)

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nobel per la pace 2013, il lavoro dell’Opac contro le armi chimiche in Italia

next
Articolo Successivo

Morto Erich Priebke, lascia testamento “umano e politico”: “Non mi pento”

next