Il gip di Varese Giuseppe Battarino ha ordinato alla Procura nuove indagini nei confronti degli agenti di polizia e carabinieri accusati di lesioni colpose in relazione alla morte di Giuseppe Uva, respingendo la richiesta di archiviazione presentata dal pm Agostino Abate.

La decisione è arrivata al termine di un’udienza a Varese convocata per discutere sull’opposizione alla richiesta di archiviazione del pm presentata dai legali della famiglia Uva. L’uomo morì nel giugno 2008 all’ospedale di Varese, dopo aver trascorso parte della notte nella caserma dei carabinieri che lo avevano fermato ubriaco per strada. Lo scorso aprile la sorella della vittima aveva organizzato un presidio per denunciare il rischio della prescrizione delle accuse nei confronti degli indagati. Ora dovranno essere fatte nuove indagini, intanto sulla vicenda era già arrivato un verdetto: lo scorso 15 giugno la corte d’Appello di Milano aveva assolto uno psichiatra per omicidio colposo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Ndrangheta in Lombardia, la Procura: “Il sindaco è socialmente pericoloso”

next
Articolo Successivo

Amnistia e indulto, già pronti tre ddl per salvare Silvio dall’interdizione per diritti Tv

next