Il Fatto Quotidiano fa un tiro al bersaglio indecente e ossessivo per una telefonata adamantina di 23 anni fa. Io avrei utilizzato le stesse parole di Giuliano, virgola per virgola”. Così Giampiero Mughini, ben pungolato da Giuseppe Cruciani a ‘La Zanzara’ (Radio24), commenta l’audio pubblicato dal Fatto Quotidiano circa la telefonata del neo-giudice della Consulta Giuliano Amato e della vedova del senatore socialista Paolo Barsacchi. “E’ un attacco indecente” – continua – “ad una delle poche risorse di questa nostra povera repubblica, ad un uomo tra i più esperti e collaudati della nostra difficile democrazia, ad uno dei padri del riformismo moderno. Ed io rabbrividisco a vedere delle nullità come il Movimento 5 Stelle accanirsi contro un uomo del valore di Giuliano“. E sul Fatto rincara: “Fa del tiro al bersaglio la sua gloria, è un giornale che spara calci negli stinchi dalla mattina alla sera. Bisognerebbe affidare a quelli del Fatto per una settimana il governo del Paese, così vediamo cosa combinano”. Sul vicedirettore del Fatto dichiara: “Travaglio fa benissimo il suo lavoro, che è quello di un giornalista accanito, di parte, brillante, ben documentato, ma naturalmente è un lavoro destinato alla claque dei lettori del Fatto, i quali ogni mattina si entusiasmano a sentire quanto sono puzzolenti quelli del Pdl e compagnia cantante”. Critica feroce anche contro Beppe Grillo: “Non credo di aver mai visto un caso come quello di Grillo. Un nulla patente forte di schiamazzi e arrampicate sul tetto di Montecitorio, un poveraccio, un comico di terz’ordine. Prima pensavo fosse un buon comico che si meritava i soldi che guadagnava”  di Gisella Ruccia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, Berlusconi: “Crisi? Ora sarebbe destabilizzante, ma mantenga i patti”

next
Articolo Successivo

Berlusconi è bollito, solo Napolitano e Pd possono salvarlo

next