La Presidente della Camera, Laura Boldini, ha incontrato stamane l’associazione ‘Tutti a scuola’ che si batte per il pieno inserimento dei ragazzi disabili nelle scuole italiane davanti Palazzo Montecitorio a Roma. Motivo della protesta spiega il presidente dell’associazione Tuttiascuola-onlus Antonio Nocchetti le mancanze delle strutture d’insegnamento italiane: “Nelle scuole italiane sono aumentate le domande d’iscrizione di studenti disabili: 5200 a fronte di una disponibilità di soltanto 90 nuovi insegnati di sostegno. Vanno preso provvedimenti”. Durante l’incontro, Nocchetti ha inviato la Boldrini alla prossima edizione di giochi senza barriere e la Boldrini, dopo aver assicurao la sua prensenza, si è lasciata scappare una frase sibillina – registrata dai microfoni de ilfattoquotidiano.it – circa la difficile situazione di governo e l’ipotesi di nuove elezioni: “Non so se l’anno prossimo sarò Presidente della Camera dei Deputati”  di Manolo Lanaro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gloria senza Eroi

prev
Articolo Successivo

Berlusconi, quelli che aspettano i Tg per sapere se sono del Pdl o di Forza Italia

next