L’operazione Costa Concordia è l’immagine dell’Italia. Questa Italia derisa, ammaccata, affondata. Siamo davvero in cattive acque, con timonieri improvvisati che si muovono senza una giusta direzione perdendo ogni giorno la rotta.

Non è possibile raddrizzarla con azioni illogiche e paradossali. Si è perso del tutto il senso dell’orientamento. Una “Nave” che, quotidianamente, effettua l’ennesimo inchino e nessuno si accorge (o non vuole accorgersi) dei tanti scogli che danneggiano irrimediabilmente il Paese.

Con gravissime conseguenze per la stessa tenuta delle istituzioni e del tessuto sociale. Siamo alla deriva. Una deriva totale. Per raddrizzare l’Italia bisogna partire dall’etica. Bisogna trovare bussole che indicano direzioni illuminate.

Bisogna abbandonare del tutto le modalità consuete che fanno fuoriuscire i liquami degli accordi o delle “intese”, per sfangare i continui ostacoli della brutta politica. In Italia la memoria è corta. Si dimenticano presto azioni nauseabonde. La pagina si volta con estrema facilità. E le notizie si affievoliscono per lasciare spazio ad altre coprendo eventi che non possono e non devono essere dimenticati, ma portati come esempio di un Paese che affonda per manifesta incapacità.

Per raddrizzare l’Italia servono i veri Italiani. Soprattutto gli anonimi. Coloro che in silenzio, nonostante tutto, rispettano le regole e agiscono ogni giorno con coscienza e dignità. A questi è affidato il futuro di questo Paese.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, in difesa degli zingari di ponte Marconi (qualche precisazione)

next
Articolo Successivo

Recupero Concordia, in corso rotazione. Stop di un’ora ai lavori, la fine all’alba

next