Dopo la visita a Lampedusa, Papa Francesco decide di incontrare di nuovo i migranti scappati da fame e persecuzioni nei loro paesi. Il Pontefice ha trascorso una giornata con i rifugiati del Centro Astalli di Roma che ogni giorno assiste più di 450 immigrati. Si è recato alla mensa e alla Chiesa del Gesù e lontano dalle telecamere ha ascoltato le loro storie. Tra i richiedenti asilo, c’era anche Adam, sudanese del Darfur costretto ad arruolarsi con i ribelli e a combattere contro suo fratello. Isabel, invece, è arrivata dalla Colombia tredici anni fa. Per mantenersi fa quattro lavori e nel tempo libero va nelle scuole a raccontare ai bambini cosa significa scappare dalla propria terra e diventare una rifugiata  di Gabriella Lanza

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alberto Bevilacqua, Procura Roma indaga quattro medici per omicidio colposo

next
Articolo Successivo

‘Ndrangheta in Toscana, cinque arresti e sequestri di beni per 44 milioni di euro

next