Due immigrati ospiti del Cie di Gradisca d’Isonzo (Gorizia) sono fuggiti dal centro nel corso di nuovi disordini avvenuti nelle ultime ore. Altri due, dopo aver tentato la fuga ed essere stati rintracciati, hanno aggredito gli operatori del centro e sono stati arrestati.

Complessivamente, sono dodici gli immigrati che hanno tentato la fuga. Sei hanno desistito poco dopo il tentativo, sei sono riusciti a scappare dal centro. Quattro di questi sono stati rintracciati dalle forze dell’ordine a poca distanza dal perimetro del centro di identificazione ed espulsione. Di questi, due si sono ritirati nelle stanze, mentre altri due, entrambi marocchini, hanno opposto resistenza aggredendo gli operatori, e sono stati arrestati. Il magistrato ha convalidato l’arresto e saranno ora processati. Uno dei due ha gravi precedenti penali per rapina.

Le proteste al centro goriziano erano riesplose negli scorsi giorni. Giovedì 29 due extracomunitari erano caduti dal tetto durante un tentativo di fuga, messo in atto durante una rivolta che aveva visto alternarsi sul tetto di 10-15 persone armate di spranghe. Per sedare l’ultima protesta era stato necessario l’intervento delle forze dell’ordine. Gli immigrati protestano contro l’estensione del periodo di trattenimento nel centro rispetto ai termini previsti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Papa Francesco inaugura il dopo Bertone: Pietro Parolin nuovo segretario di Stato

next
Articolo Successivo

Siria, il grido di Papa Francesco: “Mai più guerra. Violenza chiama violenza”

next