Innanzitutto è bella la posizione, su un altopiano stretto tra due valli nel Vulture, l’estremo lembo nord-est della Basilicata che divide la Puglia dalla Campania. L’area di Venosa è verde e fresca, perfetta per un weekend di fine estate. Magari con un tocco di cultura, perché qui nel 65 a.C. è nato Orazio, il celebre poeta latino (chi non ha mai sentito evocare le sue Odi o la sua frase più famosa, il detto carpe diem?). Passeggiando tra le stradine strette del borgo, è anche possibile visitare quella che viene definita come la sua casa, dove ci sono tracce di un calidarium di una dimora patrizia.

Cosa fare. Tra i “tesori” conservati da questa piccola città di soli 12.000 abitanti c’è il parco archeologico, che comprende le terme, le domus, la SS. Trinità e l’anfiteatro. Realizzate probabilmente fra l’età augustea e quella Giulio-Claudia, le terme – di cui rimangono pochi resti – erano composte da spogliatoi e da una zona fredda e una calda. Meglio conservate sono le domus, le abitazioni romane, soprattutto quella adiacente le terme: risalente al II secolo a.C, è costruita con il tipico impianto con quattro stanze da letto e un locale principale. Imponente l’anfiteatro, un’ellisse composta da tre livelli di scalinate con al centro l’arena, cotruito fra il I e il II secolo D.C.

Poco distante, il complesso della Santissima Trinità è una strana alchimia architettonica composta da due chiese: la chiesa antica risale all’epoca palocristiana, anche se è stata rimaneggiata nel corso dei secoli, mentre la chiesa nuova (o incompiuta), iniziata intorno all’XI secolo, non è mai stata portata a termine. È rimasta così, bellissima nella sua imperfezione, senza tetto, pavimenti e decori.

Cosa vedere. Con le sue mura possenti, i torrioni e il fossato, il Castello Aragonese, in centro città, dichiara subito la sua orginaria funzione difensiva. Costruito da Pirro del Balzo, signore di Venosa, nel 1470, successivamente è diventato una residenza nobiliare: oggi ospita la Biblioteca comunale e il Museo Nazionale Archeologico, con reperti ritrovati nella zona. Porta la “firma” di Pirro del Balzo, che la commissionò e la finanziò, anche la Cattedrale di Sant’Andrea. Terminata nel 1502, la chiesa si presenta a due piani e a tre navate: il campanile, alto 42 metri, si vede da ogni parte della città. Nella cripta si trova la tomba di Maria Donata Orsini, moglie di del Balzo e che gli portò Venosa in dote.

Cosa mangiare. Citato anche da Orazio, l’Aglianico del Vulture è un vino rosso dal leggero profumo di viola. Si abbina benissimo agli “strasciati”, pasta fatta in casa da condire con sugo di pomodoro e cacio ricotta, o alle tagliatelle con i ceci.

Info: www.comune.venosa.pz.itwww.venosa.it

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vino contraffatto, prima vittoria: wine kit vietati nel Regno Unito

next
Articolo Successivo

La “Guerra del Gorgonzola” in tribunale, il consorzio batte il Comune

next