“E’ un sogno a occhi aperti che si sta realizzando. Non me lo aspettavo fino a sei mesi fa, ogni ragazzo e ogni calciatore vede queste partite in tv e sogna di arrivarci”. Parola di Federico Piovaccari, che con i suoi gol nei preliminari, uno nella partita di andata e uno ieri sera al ritorno, ha permesso allo Steaua Bucarest di superare il Legia Varsavia e qualificarsi per la fase a giorni della Champions League. Perché all’ombra dei giocatori espatriati nei grandi campionati europei dove il calcio è nato (Osvaldo, Borini e Giaccherini in Premier League) o dove i petroldollari creano nuove potenze (Verratti e Sirigu al PSG in Ligue 1) c’è uno stuolo di onesti professionisti del pallone che, costretti a emigrare fuori dai confini, riescono a ritagliarsi ruoli di tutto rispetto. Di questi cervelli in fuga del calcio, Piovaccari può essere preso ad esempio.

Dotato di buona tecnica e fiuto del gol, il quasi trentenne attaccante lombardo si fa notare con la Primavera dell’Inter prima di essere mandato a farsi le ossa in prestito nei campionati minori, fino a che non esplode nuovamente in Serie B con il Cittadella nella stagione 2010-11, quando vince la classifica cannonieri con 23 gol in 39 partite. L’anno dopo è acquistato dalla Sampdoria, me nemmeno i blucerchiati credono in lui e ricomincia la giostra dei prestiti in serie cadetta fino allo scorso gennaio, in cui passa al Grosseto. Con i toscani sono 7 gol in 17 partite, conditi da tre errori dal dischetto su tre calciati: un ottimo bottino, rigori a parte, che nuovamente non è ritenuto sufficiente per guadagnarsi un posto al sole della Serie A.

I blucerchiati infatti, pur non avendo in rosa attaccanti di categoria superiore, al di là del giovane Gabbiadini e del brasiliano Eder, in estate lo cedono alla Steaua: ex meraviglia del calcio continentale capace di vincere una Coppa Campioni nel 1986 e di allevare campioni come Hagi e Lacatus. A Bucarest Piovaccari si trasforma in “bello di notte” (da Boniek, che segnava sempre nelle notti delle coppe europee). E oltre a 2 gol in 2 partite di campionato, ne mette a segno 3 nelle 6 dei preliminari, permettendo allo Steaua di qualificarsi. “Real Madrid, Barcellona, Bayern, Chelsea, United, una la incontreremo e affrontare queste squadre sarà bellissimo, un vero sogno – dice Piovaccari al sito tuttomercatoweb – Sei mesi fa ho visto la finale in tv, trovarsi oggi a giocare con loro è meraviglioso, e deve dare speranze a tutti quelli che vogliono arrivare”.

Simile la storia di Graziano Pellé, un altro che con la Serie A non è mai riuscito ad avere feeling e che ha finalmente trovato se stesso in Olanda: dopo quattro stagioni al Az Alkmaar, dove con il santone Van Gaal in panchina vince un titolo da protagonista, da due anni è al Feynoord, dove la scorsa stagione è arrivato terzo con 29 gol in 33 partite e quest’anno ha esordito alla prima di campionato con una tripletta. Poi c’è chi è andato ancora più lontano. Oltre ai soliti noti, la pattuglia canadese Nesta, Di Vaio e Ferrari, l’australiano Del Piero e i russi Criscito e Bocchetti, da segnalare altri ‘piedi in fuga’: Raffaele Quinteri a Miami dopo essere stato idolo in Indonesia; gli esotici Davide Cortina nel Loyola Meralco Sparks di Manila, Filippine, e l’italo-tedesco Giovanni Speranza che dal Monza è arrivato in Vietnam; infine l’ex del Napoli Massimiliano Ammendola, che dopo Grecia e Bulgaria è volato in Paraguay al Sol de America e la settimana scorsa ha segnato all’esordio contro il Nacional Assuncion. Sulla scia di Piovaccari, dove buon calcio non mente.

twitter : @ellepuntopi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sciopero dei calciatori, caos in Lega Pro sull’età media. “Ma domenica si gioca”

prev
Articolo Successivo

Torino, tifosi a Fassino: “Revochi la nomina di Zunino per lo stadio Filadelfia”

next