Dopo aver autorizzato il velo islamico nelle scuole il premier della Turchia Recep Tayyip Erdogan promette piscine separate tra uomini e donne. Piscine olimpioniche separate per i due sessi promette il primo ministro. Che manifesta sempre più di frequente propositi fortemente conservatori per il paese. Come riporta il sito del quotidiano Hurriyet, il premier stava elogiando la squadra di calcio del Rize, città sul Mar Nero, quando ha cominciato a promettere più servizi sportivi per la zona. “Non ci sarà solo il calcio – ha detto – Ci sarà anche il basket e il nuoto. E costruiremo piscine olimpioniche per soli uomini e quelle per sole donne”. L’obiettivo, ha detto il premier, è “evitare che i giovani di Rize prendano cattive abitudini”. Per la città di Rize, il premier ha infine promesso più scuole religiose.

L’opposizione, da tempo, lo accusa di avere un ”piano segreto”, di lavorare a una ”islamizzazione rampante” del Paese. Lui dice di volere preparare ”generazioni timorate di Dio”, ha autorizzato il velo islamico nelle scuole e costruisce moschee. Una delle ultime polemiche ha riguardato le carte di credito. Dopo la protesta dei giovani – per il caso degli alberi di Gezi park – che ha causato un crollo dei consensi per il suo partito islamico Akp, con la Lira traballante, i tassi sul debito che sono schizzanti in alto, Erdogan ha additato al paese”le carte di credito. “Non usatele!” aveva tuonato a Istanbul durante un iftar, la cena serale che ogni giorno rompe il digiuno del Ramadam. Le banche sono “insaziabili” aveva avvertito: “Se la gente spendesse quanto vorrebbero le banche, non riuscirebbe mai a mettere insieme tutti quei soldi”. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sbloccare Cuba

next
Articolo Successivo

Tunisia, il governo islamista lascia: a mediare è stato il sindacato Ugtt

next