Il Movimento 5 Stelle rappresenta la voglia di cambiamento radicale di una grande fetta di italiani ma le sue posizioni sui temi economici riflettono idee confuse che controbilanciano le buone intenzioni, e i politici incompetenti possono fare danni come i criminali o quelli in malafede. Dalla ristrutturazione del debito come alternativa al fallimento alle vecchie ricette del ’92 per curare la crisi di oggi, dall’affidamento del sistema bancario al controllo degli apparati dello Stato alla vendita dei cosiddetti gioielli di famiglia e all’immancabile complotto i 5 Stelle risultano impreparati a rispondere alle esigenze di cambiamento dell’Italia.

Ospite in collegamento: Fabio Scacciavillani – Capo economista del Fondo di investimento sovrano dell’Oman da Isernia: “Il Movimento 5 Stelle diffonde argomenti propagandistici a beneficio di gente che non capisce bene in che mondo si trova e inala forti dosi di cyber-stupefacenti propinati via internet, un pubblico poco informato diventa facile preda di demagoghi e ciarlatani che propongono uscite miracolose che esistono solo nella testa di chi non ha idea della situazione, però sono argomenti che rendono dal punto di vista elettorale e a cui ricorrono politici screditati e incompetenti per rabberciare qualche credibilità”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il presidente Letta e quelle grottesche lezioni sull’autolesionismo

prev
Articolo Successivo

Per favore, qualcosa di sinistra. Democrazia e mercato nei programmi della politica

next