Sono ancora da quantificare, ma si aggirano intorno ai milioni di euro i danni dell’incendio che a Fossoli di Carpi ha distrutto il capannone della società Care, che tratta rifiuti della raccolta differenziata. Le fiamme sono divampate sabato 24 agosto alle 18 e, alimentate dal vento, hanno tenuto impegnate per ore numerose squadre di vigili del fuoco giunti dalla regione. Il fumo, con una colonna visibile a parecchi km di distanza, ha richiesto anche l’intervento dell’Arpa, ma sembrano scongiurati problemi ambientali. 

“L’Amministrazione Comunale di Carpi”, ha fatto sapere l’assessore all’ambiente Simone Tosi, “segnala che, non appena allertata dal sistema di Protezione Civile in merito all’incendio, ARPA ed AUSL sono tempestivamente intervenute verificando e monitorando i valori di inquinamento per aria, acqua e suolo. Tutti i valori sono risultati tranquillizzanti e non sono state registrate concentrazioni inquinanti dannose per la salute dei cittadini. Proprio per questo non ci hanno mai chiesto di attivare ulteriori interventi di sicurezza a tutela della popolazione come evacuazione o altro”.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5S, Pizzarotti: “Abolire il Porcellum è una priorità”. Nuti: “Al voto”

next
Articolo Successivo

Inceneritore di Parma, il comitato: “Sarà acceso il 28 agosto”

next