È morto Giancarlo Bornigia. E la reazione di molti di voi sarà sicuramente la seguente: “Chi?”. Poco male, vi perdoniamo, anche se il signore che è passato a miglior vita al poche settimane dal compleanno numero 83 non era una persona qualunque.

A Bornigia, infatti, si deve la nascita del Piper Club di Roma nel 1965. Chi frequenta le notti capitoline oggi, e magari è poco più che ventenne, rischia però di sottovalutare la portata musicale (ma anche sociale e culturale) del Piper. In via Tagliamento, proprio difronte all’arco che porta al bizzarro (e carissimo) quartiere Coppedè, è passata la storia della musica mondiale.

Tutto merito di Bornigia, appunto, che non si accontentava di lanciare talenti nostrani come Patty Pravo o Renato Zero, ma voleva sprovincializzare la scena musicale italiana organizzando concerti-evento: dai Rolling Stones ai Pink Floyd, dai Genesis agli Who, fino a un Jimi Hendrix ancora giovanissimo. Roba che nell’Italia degli anni Sessanta e Settanta rappresentava una rivoluzione mica da poco. Già le atmosfere beat del Piper facevano storcere il naso a molti, in quegli anni sospesi tra nuove istanze sociali e culturali e conservatorismo democristiano in doppio petto. Figurarsi l’arrivo nella godereccia ma grezza Roma di alcuni tra i fenomeni musicali e culturali più importanti della storia.

Bornigia, che provincialotto non era, continuava però a guardare avanti, forse addirittura troppo, e a confezionare happening di enorme richiamo. Nel suo Piper, poi, c’era spazio anche per l’arte, con dipinti di Schifano, Warhol, Cintoli e Manzoni a far compagnia a capelloni e movenze ye-ye. Poi, quando il Piper aveva perso molto del suo charme, si era lanciato in altre avventure vincenti, come il Gilda e l’Alien. Ma era già un’altra Roma, e la movida capitolina si era irrimediabilmente trasformata da alternativa e rivoluzionaria in cafona ed eccessiva.

Se solo Roma avesse ancora un’anima, dovrebbe ricordare con affetto e nostalgia un personaggio fondamentale del suo recente passato. Un uomo di musica e divertimento, ma anche un lungimirante innovatore, che per primo, e meglio di chiunque altro, ha fatto entrare l’intrattenimento della Capitale nella contemporaneità. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanità: basta cambiare il nome ai pazienti?

next
Articolo Successivo

Storia di una figlia ‘dalla parte’ di chi vive il disagio mentale

next