Una raccolta firme per bloccare la legge sull’omofobia, da poco approvata in commissione Giustizia e a settembre in esame alla Camera. S’incontra anche questo tra gli stand del meeting di Comunione e Liberazione di Rimini. A promuovere la petizione il settimanale d’ispirazione cattolica, Tempi, l’associazione Giuristi per la vita e il sito “La bussola quotidiana”. “Abbiamo voluto lanciare l’iniziativa, perché crediamo che il provvedimento contro l’omofobia e la transfobia limiti il diritto d’opinione di una persona” spiega Samuele Sanvito, amministratore delegato di Tempi. “Un esempio: se dico che il rapporto omosessuale è contro natura in futuro potrei andare contro la legge”. In realtà, tra le persone in fila, in attesa di sottoscrivere l’appello, c’è soprattutto il timore che il provvedimento apra la strada anche al matrimonio gay. “Potrebbe essere il primo gradino per arrivarci, viste le tendenze a livello europeo” di Giulia Zaccariello

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Russia, il presidente del Cio Rogge censura le proteste contro le leggi anti gay

next
Articolo Successivo

Padova, in carcere coi condannati al ‘fine pena mai’: “Così è meglio morire”

next