Una raccolta firme per bloccare la legge sull’omofobia, da poco approvata in commissione Giustizia e a settembre in esame alla Camera. S’incontra anche questo tra gli stand del meeting di Comunione e Liberazione di Rimini. A promuovere la petizione il settimanale d’ispirazione cattolica, Tempi, l’associazione Giuristi per la vita e il sito “La bussola quotidiana”. “Abbiamo voluto lanciare l’iniziativa, perché crediamo che il provvedimento contro l’omofobia e la transfobia limiti il diritto d’opinione di una persona” spiega Samuele Sanvito, amministratore delegato di Tempi. “Un esempio: se dico che il rapporto omosessuale è contro natura in futuro potrei andare contro la legge”. In realtà, tra le persone in fila, in attesa di sottoscrivere l’appello, c’è soprattutto il timore che il provvedimento apra la strada anche al matrimonio gay. “Potrebbe essere il primo gradino per arrivarci, viste le tendenze a livello europeo” di Giulia Zaccariello

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Russia, il presidente del Cio Rogge censura le proteste contro le leggi anti gay

next
Articolo Successivo

Padova, in carcere coi condannati al ‘fine pena mai’: “Così è meglio morire”

next