Non compare nel programma né come moderatore, né come relatore, ma Roberto Formigoni si presenta comunque all’apertura del meeting di Comunione e Liberazione, puntuale come sempre. E rivendica il suo ruolo da fondatore. “Non mi importa se non sono stato invitato, questa è la mia gente, la mia carne, il meeting l’ho fondato io insieme a pochi altri”. Quest’anno, per la prima volta, il Celeste è stato scaricato dagli eredi di Don Giussani e declassato al ruolo di semplice visitatore. “Hanno influenzato le mie vicissitudini giudiziarie? Ma lo sapete che Andreotti fu invitato 2 volte quando gli pesava una condanna a 21 anni per l’omicidio Pecorelli? Solo che allora questa gente non era subalterna al giustizialismo montante”  di Stefano Feltri e Giulia Zaccariello 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Moretti (Pd) avvisa il Pdl: “Se governo cade, possibile ‘Letta bis’ con altra maggioranza”

next
Articolo Successivo

Napoli: indagati, delibere e defezioni. L’estate calda di Luigi de Magistris

next