Demi Lovato - CioèLa foto la ritrae ai Caraibi, coperta da un asciugamano verde. La redazione di Cioè, settimanale per teenager, crede di essere spiritosa: “L’unica cosa che riusciamo a vedere – si legge a fianco all’immagine – sono i suoi cosciotti bianchicci, grandi quasi il doppio di quelli del ragazzo che le sta accanto! È giunta l’ora di una dieta seria”. Poco più in là c’è un’altra foto, questa volta in costume, ma con le mani intente “a nascondere i rotolini di troppo”.

Lasciamo perdere il buon gusto. Il punto è che prima di essere una star della Disney e una giudice di X Factor, Demi Lovato, idolo delle adolescenti di mezzo mondo, è una ragazza di 21 anni con alle spalle una storia di bullismo e bulimia. Una che ha reagito, tanto da mandare a quel paese il colosso americano per cui lavorava, che si era permesso una battuta infelice in una serie tv: “Potrei mangiarvi in un boccone, se solo mangiassi”, diceva una top model tra le risate generali. La Lovato via Twitter scrisse: “Caro Disney Channel, i disturbi alimentari non sono argomento su cui scherzare ”. Una che fa scuola, al punto da invitare le fan a scrivere alla Barbie per chiedere di cominciare a fare bambole con la cellulite , visto che “il 95 per cento delle donne ce l’ha”.

Ma a Cioè non lo sanno. E si indignano per i cosciotti bianchicci di una ragazza di successo (figuriamoci cosa pensano di quelli delle ragazzine che stanno a casa). Su Twitter, ieri, l’hashtag #vergognaCioè è stato a lungo tra gli argomenti più cliccati. Le discussioni tra “bimbiminkia” – così sono soprannominati sul social network gli utenti che inondano la rete di commenti sulle boy band e argomenti simili – si accende.

Intervengono le amministratrici della pagina Facebook italiana di Demi Lovato: “Quella ragazza in foto è la stessa ragazza che ha fatto un documentario per parlare ai giovani di tutto il mondo dei suoi problemi, ha aiutato milioni di persone e continua a farlo tutti i giorni davanti alle telecamere per essere un buon modello da seguire, vi sembra una persona che si nasconde?”.

Alla redazione di Cioè, va l’ultimo messaggio: “I veri bimbiminkia siete voi”.

 

Twitter: @paola_zanca 

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’arduo confine fra cura e accanimento terapeutico

next
Articolo Successivo

Perché non festeggiare i cent’anni del nazista Erich Priebke

next