Arresti e indagati per l’inchiesta che riguarda anche il Mose. Sette persone ai domiciliari, altrettanti obblighi di dimora e oltre 140 perquisizioni in numerosi regioni italiane. In manette anche l’ex presidente del Consorzio Venezia NuovaGiovanni Mazzacurati e un centinaio di indagati. Sono queste le prime conclusioni dell’operazione della Guardia di finanza sul Consorzio Venezia Nuova, che attraverso numerose imprese e cooperative gestisce gli interventi di salvaguardia di Venezia, incluso il Mose.

Le accuse vanno dalla turbativa d’asta alle fatture false, fino agli appalti non regolari. Il Mose è già finanziato per 4.934 milioni di euro, nei giorni scorsi sono state posizionate le prime quattro paratoie. L’opera verrà conclusa prevedibilmente nel 2016. Il costo totale è di 5.493 milioni di euro. L’operazione ha impiegato oltre 500 militari delle Fiamme gialle tra il Veneto, la Lombardia, il Friuli Venezia Giulia, l’Emilia Romagna, la Toscana, il Lazio e la Campania

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Minacce alla Cassazione: il Pd e la corda che si spezza

next
Articolo Successivo

Caso Mediaset, la saggia scelta della saggia Carlassare

next