Visti i risultati raggiunti dal liberismo manageriale con la globalizzazione del mercato, un recente studio avanza la rivoluzionaria teoria di un nuovo contratto sociale basato sui sofisticati concetti di “padrone” e “servo”. Pur senza entrare nei dettagli, si tratterebbe di una conquista sociale di portata rivoluzionaria: il “padrone”, possedendo i servi, cercherà di tutelarli, preservarli e curarli come fa con tutte le sue proprietà. Facendo parte del suo patrimonio, percepirà che il servo serve, è utile, è una voce attiva del bilancio. Il servo, d’altra parte, a differenza dell’operaio e dell’impiegato non è più un costo da tagliare appena possibile ma entra a far parte del patrimonio: diventa una “cosa” che, al contrario di una persona, ha un valore. Naturalmente, imprenditori e manager fanno resistenza: non gli conviene diventare “padroni”, hanno troppo da perdere. Ma il progresso non si ferma e l’idea di una società più giusta è una vecchia talpa cieca che continua a scavare. 

 

Paolo Aleandri 

da ” Il Misfatto “,  inserto satirico de Il Fatto quotidiano, 7 luglio 2013 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ritrattativa Stato-Mafia

prev
Articolo Successivo

Animali domestici

next