Stavano giocando sulle rive del Po, si sono immerse e sono state risucchiate da un vortice. Secondo il racconto di alcuni testimoni le due bambine di 10 e 11 anni disperse nel tratto d’acqua vicino all’abitato di Breme Lomellina, a Pavia, sono state portate via dal fiume. 

Le bimbe, due cuginette albanesi, erano con le loro famiglie per trascorrere insieme la domenica. L’allarme è scattato nel pomeriggio. I familiari e altre persone che in quel momento erano sulla riva le hanno cercate, senza risultati. A quel punto è stato chiesto l’intervento dei vigili del fuoco. I soccorritori sono intervenuti con un elicottero che ha trasportato una squadra di sommozzatori nella zona dove le due ragazzine sarebbero scomparse. Secondo le prime informazioni le due bambine erano in compagnia di un loro parente che ha cercato inutilmente di salvarle. I vigili del fuoco hanno recuperato il corpo di una delle due. E i sommozzatori sono al lavoro per trovare la seconda.  

In questa zona il fiume si presenta particolarmente insidioso per la presenza di numerosi vortici: anche i nuotatori più esperti fanno fatica ad attraversarlo.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Terremoto in Toscana, nuova scossa di magnitudo 4,4

prev
Articolo Successivo

Cuneo, spara e uccide l’ex moglie. Erano separati da oltre quattro anni

next