Ha sparato alla moglie e l’ha uccisa. E’ accaduto a Bra, in provincia di Cuneo. Michele Bambino, un 59enne titolare di un’azienda di autotrasporti è andato a trovare la moglie, Marta Forlani, una casalinga di qualche anno più giovane di lui e dalla quale era ormai separato, che viveva in una delle due abitazioni create dalla villetta dove avevano vissuto insieme. L’uomo si è recato a casa della vittima, che era in compagnia di tre amiche e l’avrebbe prima colpita con un pugno, poi, dopo essersi temporaneamente allontanato, è tornato con una pistola Beretta, risultata rubata nel 2006 a Centallo (Cuneo) e ha esploso numerosi colpi.  Poi ha chiamato la polizia e si è seduto su un muretto ad attendere. Le forze dell’ordine lo hanno trovato ancora con la pistola in mano.

Secondo gli elementi raccolti, l’uomo aveva già minacciato la donna, a quanto pare davanti ad un avvocato, qualche anno faIl movente del delitto potrebbe essere legato a motivi finanziari legati alla separazione. Problemi e rancori che si sono perpetrati nel tempo, anche se la coppia era separata da oltre quattro anni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pavia, due bambine scomparse nelle acque del Po. “Risucchiate da vortice”

next
Articolo Successivo

Fondi all’Avanti, la Corte dei Conti indaga su Lavitola e De Gregorio

next