Giù le mani da Blu Notte
Petizione online per salvare il programma di RAI 3

Come cittadini che pagano il canone abbiamo diritto di sapere se e perché verrà chiusa una trasmissione come Blu Notte. Per questo abbiamo lanciato questa petizione online:

“Noi, cittadini italiani che paghiamo il canone della Rai, chiediamo che il direttore di Rai3 Andrea Vianello e il direttore generale della Rai Luigi Gubitosi chiariscano se sono vere le notizie sulla mancata programmazione su Rai 3 di Blu Notte, la trasmissione di Carlo Lucarelli sui misteri italiani.

Noi capiamo che sia necessario risparmiare, ma nel caso fosse questo il motivo, chiediamo che si trovino le (poche) risorse necessarie per far proseguire il programma di Carlo Lucarelli, magari tagliando i veri sprechi che si annidano tra le spese ridondanti di alcuni manager dell’azienda pubblica e di qualche giornalista strapagato.

Nel caso venga confermata l’esigenza dei tagli chiediamo che si avvii immediatamente un referendum tra gli abbonati Rai chiedendo se preferiscano tagliare Blu Notte di Lucarelli o Porta a porta di Bruno Vespa.

In ogni caso, con questa petizione, ribadiamo al CdA della Rai il nostro “Giù le mani da Blu Notte”.”

Si firma QUI

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

I lettori de il Fatto: per niente facili

prev
Articolo Successivo

Siae, la risposta del direttore Blandini: ‘più obiettivi e trasparenti’

next