I politici di ieri e di oggi sono finiti sulle tovagliette del ristorante ‘Cose d’altri tempi’ di Varese. L’idea è del gestore del locale, Graziano Ballinari, non nuovo ad iniziative di questo tipo, a cavallo tra la satira sociale e la storia. Questa volta Ballinari ha impresso i volti dei politici dell’Italia repubblicana sulle tovagliette di carta che utilizza per apparecchiare le tavole del vecchio circolo, completando la sua mostra con una serie di quadri e documenti appesi alle pareti. “È una mostra – dichiara – che vuole raccontare questo Paese, nato male e destinato peggio”. Non ci sono solo Berlusoni, Bossi, Formigoni e Bersani. La carrellata proposta dal ristoratore parte da lontano. Così ci sono Fanfani, Andreotti, Cossiga e tanti altri volti “di tolla” della nostra politica. “Molti mi chiedono le tovagliette per portarle a casa, altri ci disegnano sopra, altri ancora scrivono insulti irripetibili”. Tra i più bersagliati due meteore della politica lombarda, Renzo Bossi e Nicole Minetti, soprattutto quest’ultima: “Per rispetto nei suoi confronti ho fatto sparire le sue tovagliette, perché davvero i commenti andavano oltre ogni immaginazione”  di Alessandro Madron

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Napoli, la chiesa del ‘500 ridotta a solarium abusivo. La Curia: “Nessuno fa nulla”

prev
Articolo Successivo

Terremoto Toscana, altre scosse. “Possibile slittamento maturità”

next