Il decreto del fare sarà coperto anche grazie a un aumento delle tasse su benzina e gasolio. Un intervento che, come spiega il Sole 24 Ore, peserà per 75 milioni nel 2014. Quasi il 10% del costo totale del decreto, 607 milioni di euro dal 2013 al 2022. Il primo sostanzioso pacchetto di provvedimenti che il governo ha varato settimana scorsa potrebbe essere pubblicato già oggi sulla Gazzetta ufficiale.

La maggior parte dei costi sarà coperta dall’estensione della Robin tax anche alle imprese energetiche minori, con ricavi superiori a 3 milioni e reddito imponibile superiore a 300mila euro, che dovrebbe portare nelle casse pubbliche 150 milioni di euro nel 2013 e 75 milioni dal 2016. Previsti piccoli tagli anche per l’Otto per mille (10 milioni per il 2014) e per le emittenti televisive (19 milioni per il 2013 e 7,4 milioni per il 2014).

“Il governo Letta nel decreto del fare aumenta le accise sulla benzina per 75 milioni”, ha avvertito su twitter il responsabile economia e sviluppo della Lega Nord, Maurizio Fugatti. “Ci chiediamo se ne sia informato Renato Brunetta e tutti gli altri amici del Pdl che avevano detto basta tasse”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fiat, crollano le immatricolazioni. Calo dell’11 per cento rispetto a un anno fa

prev
Articolo Successivo

Auto, “truffa dei produttori sui consumi: un terzo più alti di quanto promesso”

next