Pianificavano di uccidere il presidente degli Stati Uniti Barack Obama. Due uomini sono finiti in manette, come riporta la rete Abc, per aver progettato un attentato ad Obama. Uno dei due sospettati, Glendon Scott Crawford, 49enne di Galway, nello stato di New York , aveva costruito un sistema per emettere radiazioni letali che poteva essere fatto esplodere a distanza. Insieme a lui, è stato arrestato Eric Feight, 54 anni, di Hudson, reclutato per unirsi al progetto che – spiegano fonti investigative alla Abc – mirava a punire il presidente Obama per le sue politiche, ritenute responsabili dell’attentato alla maratona di Boston, per aver dato direttive che limitano i controlli sui musulmani.

Il presidente è stato individuato dall’Fbi come possibile obiettivo tra le “figure politiche” nel mirino degli attentatori. Gli agenti dell’Fbi hanno detto che i due uomini volevano presumibilmente nascondere la loro “arma letale” in un camioncino. Contro il presidente doveva essere usata un’arma a raggi X che doveva emettere quantitativi letali di radiazioni e poteva essere fatta esplodere a distanza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Venezuela, Los Roques: trovato l’aereo scomparso nel 2008 con 8 italiani

prev
Articolo Successivo

Spagna, 30mila studenti universitari rischiano lo “sfratto” per insolvenza

next