Contro ogni pronostico la seconda prova, la versione di latino, sempre temuta nei licei classici, è stata affrontata con più serenità dai maturandi rispetto al tema di italiano. “Per fortuna non è uscito Tacito, la versione di Quintiliano era fattibile, una manna dal cielo rispetto a ieri” afferma un ragazzo. “La prova d’italiano c’ha spiazzato, Magris era per tutti uno sconosciuto, le battute in classe? sembrava il nome di uno yogurt dietetico“. Molte le critiche agli altri temi selezionati dal ministero, non solo per l’analisi del testo di un autore contemporaneo ancora in vita. “Erano temi troppo generici che richiedevano una cultura generale ampia, fuori dal programma effettuato – è quanto sostengono i maturandi –  le polemiche scaturite ieri sono tutte fondate”. “Belli ma impossibili da fare con l’ansia e lo stress che ti assalgono –  afferma una ragazza – proprio quest’anno che il voto conta tantissimo per la selezione universitaria, spero che i professori saranno clementi”  di Irene Buscemi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pdl, Antonio Razzi: “A Berlusconi darei mia moglie, due reni, la mia vita”

prev
Articolo Successivo

Briatore: “In Parlamento tanti idioti e incivili, ne bastano 50 buoni”

next