Potrebbe essere una svolta epocale sul fonte del voto di scambio politico-mafioso, ma il Pdl annuncia battaglia già al primo vagito del testo base approvato all’unanimità in Commissione giustizia alla Camera. Oggi l’articolo 416-ter del codice penale punisce soltanto il voto comprato dal politico in cambio di soldi, e i casi concreti di applicazione sono rari (il più eclatante, in tempi recenti, quello dell’assessore regionale lombardo Domenico Zambetti, finito in carcere con questa accusa).

Il nuovo testo approvato in commissione estende invece la punibilità a “chiunque chiede o accetta la promessa di procacciamento di voti” con le modalità dell’associazione di tipo mafioso, “in cambio della promessa o dell’erogazione di denaro o altra utilità, ovvero in cambio della disponibilità a soddisfare gli interessi o le esigenze della associazione mafiosa di cui all’articolo 416-bis o di suoi associati”. Non solo voti in cambio di soldi, dunque, ma anche promesse di favori e appalti, come da anni chiedono le associazioni antimafia e molti magistrati in prima linea contro la criminalità organizzata. Il reato “è punito con la reclusione da 2 a 8 anni”.

“Abbiamo votato all’unanimità il testo base sul voto di scambio politico-mafioso: è un segnale molto importante su un tema delicato”, spiega Donatella Ferranti, presidente della commissione Giustizia alla Camera. Ma, ribatte Enrico Costa del Pdl, quello di oggi è solo un “voto tecnico, perché il testo base andrà modificato”. Cosa che potrà avvenire da qui al 26 giugno, termine fissato per presentare gli emendamenti

 La riforma del 416-ter è tra i punti principali della campagna anti-corruzione Riparte il futuro, promossa da Libera e da Avviso pubblico, alla quale al momento aderiscono 98 senatori e 262 deputati. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Svuota carceri. Sei ergastoli, dieci omicidi: il killer di Cutolo in semilibertà

prev
Articolo Successivo

Ruby, il processo parallelo su Rete 4

next