Il gup di Roma ha rinviato a giudizio il generale della Guardia di Finanza, Francesco Pittorru e l’ imprenditore Diego Anemone per l’accusa di concorso in corruzione. Il processo è stato fissato per il 13 novembre davanti all’ottava sezione penale del tribunale di Roma. La vicenda rientra nell’inchiesta sugli appalti del G8 alla Maddalena sviluppata dalle procure di Firenze e Perugia. Nel giugno dello scorso anno furono eseguiti, dal nucleo di polizia tributaria della Finanza, una serie di sequestri, tra cui un appartamento dell’alto ufficiale. Al centro del procedimento, svolto dai pm Roberto Felici e Ilaria Calò, la ristrutturazione dell’immobile di Pittorru in via Merulana a Roma ed un contributo per l’acquisto per un ammontare di 700mila euro. Denaro, secondo l’ipotesi di accusa della Procura di Roma, riconducibile ad Anemone.  In cambio l’imprenditore avrebbe ricevuto informazioni riservate sulle inchieste che lo vedevano coinvolto e sarebbe stato favorito nell’affidamento di un appalto da 15 milioni di euro legato ai lavori di ristrutturazione di una caserma dell’Aisi, ex Sisde, nel quartiere San Giovanni.

Il 30 settembre comincerà il processo del filone principale dell’inchiesta. A giudizio sarà l’intera “cricca” degli appalti: tra gli altri imputati l’ex presidente del consiglio superiore dei lavori pubblici Angelo Balducci e lo stesso Anemone.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Processo Mediaset, la Consulta decide sul legittimo impedimento di Berlusconi

prev
Articolo Successivo

Processo Mediaset, difesa Berlusconi presenta ricorso in Cassazione

next