I maggiori sindacati turchi hanno organizzato per lunedì uno sciopero e una marcia nelle principali città turche. A Istanbul oggi migliaia di persone hanno marciato verso piazza Taksim, dove era schierata la polizia con gli idranti. Prima che ci fosse alcun contatto le forze dell’ordine hanno messo in fuga i manifestanti sparando ad altezza uomo proiettili di gomma. Il corteo si è ricomposto pochi minuti dopo. Non si sono invece registrati scontri nella capitale Ankara. Resta alta la tensione in tutto il paese, soprattutto a Istanbul dove migliaia di agenti presidiano il parco di Gezi e le vie di accesso a Taksim  di Cosimo Caridi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Crisi M5S, Morra: “Gambaro ha ripetuto errori che non mi sento di perdonare”

prev
Articolo Successivo

M5S, Caso Gambaro: alla Rete l’ultima parola sull’espulsione

next