Due milioni di euro. E’ il risarcimento chiesto dall’avvocato difensore di Imane Fadil, parte civile al processo Ruby 2 che vede imputati Nicole Minetti, Lele Mora ed Emilio Fede. Oggi, di fronte ai giudici della quinta sezione penale del tribunale di Milano, l’avvocato Danila De Domenico ha quantificato il risarcimento parlando di “una grave onta subita dalla giovane” che ha partecipato alle cene di Arcore e di “danni psicofisici subiti”. Secondo il legale, gli imputati “avrebbero indotto Imane Fadil a partecipare alle cene ad Arcore” e “ad intrattenere rapporti intimi col presidente Berlusconi, approfittando del suo stato di bisogno”.

Insieme ai due milioni di euro, inoltre, agli imputati il legale ha chiesto anche 1 milione di provvisionale. “Si poteva arrivare anche fino a 5 milioni di danni – ha detto in aula – per il pregiudizio subito”. Il legale ha poi sottolineato che “potrebbe sembrare una richiesta eccessiva ma chi ha avuto il coraggio di dire la verità merita di avere un risarcimento superiore”. Per l’avvocato di Imane Fadil “questa sentenza dimostrerà che per fare carriera non c’è bisogno di andare a letto con un uomo potente”. La ragazza, costituitasi parte civile per “denunciare un sistema prostitutivo”, secondo il legale, “ha sofferto prima e durante di dolore psico-fisico. Non è uscita di casa per mesi per la grave vergogna subita, anche di fronte ai suoi familiari”. Da qui la richiesta di risarcimento.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ingroia lascia la toga, rilancia il suo impegno politico e invia messaggi a Grillo

prev
Articolo Successivo

Bolzaneto, in Cassazione 7 condanne e 4 assoluzioni. Ma i prescritti sono 37

next