Sono undici i giocatori deferiti per illecito e otto per omessa denuncia per Bari-Treviso, 18 i deferimenti per illecito e 2 per omessa denuncia su Salernitana-Bari, il Bari deferito per responsabilità oggettiva. E’ quanto è emerso dal filone di Bari sul calcioscommesse.

Tra i deferiti il portiere del Torino ed ex Bari, Jean Francois Gillet (nella foto), la procura federale, invece, ha archiviato la posizione di Andrea Ranocchia, difensore del Bari e della Nazionale. La Procura Federale, esaminati gli atti di indagine della Procura della Repubblica del capoluogo  pugliese, ha deferito alla Commissione Disciplinare Nazionale in totale 33 tesserati.

In merito alla gara Bari-Treviso dell’11 maggio 2008 sono stati deferiti 11 tesserati (Belmonte, Bonanni, Esposito, Ganci, Gillet, Lanzafame, Rajcic, Santoruvo, Spadavecchia, Strambelli e Pianu) “per avere posto in essere atti diretti ad alterare lo svolgimento ed il risultato” e altri 8 (Cavalli, Donda, Galasso, Gazzi, Ladino, Marchese, Masiello A., Stellini) per omessa denuncia. In relazione alla gara Salernitana-Bari del 23 maggio 2009 sono stati deferiti 19 tesserati (Esposito, Stellini, Santoni, Masiello A., Lanzafame, Gillet, De Vezze, Guberti, Kutuzov, Parisi, Galasso, Bonomi, Caputo, Colombo, Bianco, Edusei, Fusco, Ganci, D’Angelo) “per avere posto in essere atti diretti ad alterare lo svolgimento ed il risultato” e 2 (Gazzi e Barreto) per omessa denuncia. Deferito anche il Bari a titolo di responsabilità oggettiva per gli addebiti contestati ai propri tesserati nelle due gare in oggetto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Europei Under 21, l’Italia della meglio gioventù. Nonostante le spese pazze

prev
Articolo Successivo

Leo Messi accusato di frode fiscale in Spagna per 4 milioni di euro

next