Palermo e la Sicilia inizino a dare le cittadinanze simboliche ai figli degli immigrati che nascono in Sicilia, il famoso Ius soli che non si vuole fare”. Questo l’annuncio dato da Rosario Crocetta intervenuto alla presentazione del Palermo Pride nazionale 2013 e Roma Pride 2013, manifestazioni presentate congiuntamente a Montecitorio per dare forza alle rivendicazioni dei diritti civili in Italia. “Se una moglie di un immigrato partorisce – spiega il governatore della Sicilia – noi quel bambino lo cominceremo a considerare simbolicamente siciliano e quindi italiano. L’Italia – prosegue Crocetta – è pronta per lo Ius soli”. Poi Crocetta esprime solidarietà al ministro per l’Integrazione Cecile Kyenge per gli attacchi subiti, mentre sulla legge per contrastare l’omofobia in discussione alla Camera dei Deputati dice: “E’ necessaria”. Ma il governatore siciliano punta il dito anche sul mancato riconoscimento in Italia delle unioni omosessuali: “Qui si deve capire se si vuole stare in Europa con Francia, Spagna, Svezia, Olanda, Germania e Belgio, oppure stare con la Lituania?” di Manolo Lanaro

 

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Grillo e giornalisti: un rapporto conflittuale

prev
Articolo Successivo

Processi, Cicchitto (Pdl): “Berlusconi è sotto bombardamento giudiziario”

next