Dal 31 maggio al 2 giugno 2013 Roma ospita Genderotica 2013, la prima conferenza italiana dedicata alle Fem o Femmes. Chi sono le Fem? Nel contesto queer italiano e internazionale le Fem sono coloro che esplorano le molteplici declinazioni del femminile e della femminilità, al di là degli stereotipi di genere tradizionali.

L’evento – organizzato daEyes wild drag’, gruppo italiano di performer queer gender drag, in collaborazione con Nuovo cinema palazzo e Teatro Valle occupato – si inserisce nel contesto internazionale delle Fem conferences, che dall’Australia agli Stati Uniti riuniscono da diversi anni attivisti, ricercatori, docenti, associazioni e singoli interessati alle tematiche di genere.

Genderotica 2013 è anche frutto di un contesto tipicamente italiano, dove le tematiche di genere solo relegate a interesse di nicchia, tanto accademico quanto mediatico. Basta ricordare la vicenda di Laura Corradi, docente in gender studies presso l’Università della Calabria, che si è vista cancellare il proprio corso d’insegnamento presso il dipartimento di sociologia poiché considerato ‘superfluo’. In Italia, infatti, tutto ciò che ha a che fare con il genere ha vita difficile, con pesanti ripercussioni a livello di diritti. Secondo gli ultimi dati del Rapporto 2013 di Ilga Europe l’Italia, insieme alla Bulgaria, è agli ultimi posti in Europa per la tutela dei diritti di lesbiche, gay, bisessuali, trans e intersessuali.

Genderotica 2013 intende contrastare questa tendenza dando spazio a una riflessione culturale e politica sulle tematiche di genere, partendo dalle Fem. Nel contesto queer – termine ombrello di origine anglosassone utilizzato per indicare persone, studi, teorie e movimenti che sfidano i tradizionali stereotipi di genere – le Fem sfidano gli stereotipi di genere tradizionali, dove femminile e femminilità sono spesso sinonimo di passività e debolezza.

Fem è anche un concetto molto militante del femminile, aperto a tutti coloro che – indipendentemente dal proprio genere, sessualità, orientamento sessuale – vogliono capovolgere ed esplorare gli stereotipi femminili della cultura dominante, dove sessismo e patriarcato influenzano tanto la politica quanto l’informazione.

Nei tre giorni di conferenza Fem italiane e straniere si alterneranno negli spazi romani messi a disposizione da Nuovo cinema palazzo e Teatro Valle occupato. Tra le partecipanti ci saranno Natasha Checuti (http://www.natachachetcuti.com/), sociologa e ricercatrice a Parigi, Louise De Ville (http://www.youtube.com/watch?v=cyTS4bp2h1E), ideatrice insieme a Wendy Delorme e Mister Mister del ‘Drag King Fem Show’ e Rosie Garland, che porterà in scena il suo alterego, Rosie Lugosi (http://www.rosielugosi.com/wp/), la regina vampira lesbica.

La conferenza rappresenta un tassello che si aggiunge al panorama italiano ed internazionale lgbtqi, in un’ottica di dialogo con i movimenti femministi, queer, trans, lesbici, gay, bisex e intersex di tutto il mondo.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Matrimoni gay in Francia, la prima celebrazione tra proteste e scontri

next
Articolo Successivo

Femen, protesta a Tunisi contro la mancata libertà provvisoria per Amina

next