“Siamo un movimento nuovo che sta crescendo. Non paragoniamo le amministrative con le elezioni nazionale. E’ come comparare le mele con le pere”. Così Stefano Zaghis dello staff di Marcello De Vito, il candidato sindaco al Campidoglio per il Movimento 5 Stelle, commenta le prime proiezioni sul voto comunale. Nessuna autocritica arriva dal comitato elettorale. “Non so se il governissimo ci ha penalizzati – spiega Zaghis -, ma a noi nessuno ha chiesto di fare un governo insieme”  di Irene Buscemi

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni a Brescia, crollo dell’affluenza, preoccupazione nei comitati di Pd e Pdl

next
Articolo Successivo

Roma, D’Ubaldo (ex Pd) lancia l’accordo tra Marchini e Marino per il ballottaggio

next