Mentre il suo cellulare continua a squillare a vuoto, l’unico commento di Ezio Greggio arriva con un tweet. “Restituisco il tapiro al Fatto Quotidiano”, dice, ma nella breve nota linkata non affronta la questione dei compensi percepiti da Mediaset e finiti per intero all’estero: 15 milioni di euro incassati negli ultimi quattro anni con ingenti vantaggi fiscali, grazie alla residenza a Montecarlo. Alla vicenda si sta interessando l’Agenzia delle entrate che vuole vederci chiaro anche sugli 8 milioni di euro che il gruppo della famiglia Berlusconi versa alla Wolf Pictures Ltd, la società con sede a Dublino a cui Greggio ha venduto i diritti di immagine.

Le carte raccolte dall’agenzia sono finite sul tavolo dei pm di Monza. In attesa dei risultati dell’indagine, le prime conseguenze della vicenda potrebbero esserci già a breve, in una partita tutta interna agli uffici di Cologno Monzese, perché il contratto scadrà il prossimo agosto e dovrà essere ridiscusso. E la vicenda dei soldi all’estero potrebbe portare Mediaset a deciderne il taglio o un ridimensionamento. Del resto l’azienda ha accolto con distacco le notizie riportate dal Fatto, facendo trapelare solo un no comment. Per ora non sono arrivati commenti neppure da Antonio Ricci, il papà di Striscia la notizia. Il tg satirico che da 25 anni si batte contro i malcostumi italici, in ogni caso, non sta alzando le barricate a protezione del conduttore.

Anzi, la breve nota di autodifesa annunciata da Greggio con un tweet è comparsa sul sito di Striscia sotto uno scarnissimo “riceviamo e pubblichiamo”. Seguono le parole del comico: “Restituisco il Tapiro al Fatto Quotidiano”. L’articolo di oggi, scrive Greggio, contiene “informazioni errate, imprecise e, per certi aspetti paradossali. Ma per favore…!! Rimando il Tapiro al mittente, in quanto si tratta di una ‘non notizia’. Da oltre 20 anni risiedo effettivamente a Monaco, come tutti sanno, e quando lavoro in Italia pago le tasse dal primo all’ultimo centesimo. Dunque, il volpino non sono io. Parafrasando Totò: io pago, io pago!!!”.

Notizie imprecise, dunque, sostiene il conduttore. Senza però fare alcun cenno su quali siano gli errori commessi dal nostro giornale. E senza entrare nel merito dei risparmi sulle tasse che gli sono garantiti dalla residenza monegasca. Eppure Greggio, nonostante risieda nel paradiso fiscale, in Italia passa parecchio tempo, per partecipare alle oltre 160 puntate all’anno di Striscia, a Paperissima e a programmi estivi come Veline. Greggio vuole restituire il tapiro al Fatto, ma dai commenti comparsi ieri su Internet è chiaro che in molti vorrebbero lo ricevesse proprio lui. Così quando l’inviato di Striscia Valerio Staffelli annuncia su Twitter di avere appena consegnato un tapiro, diversi utenti gli replicano con ironia. “A Greggio? E’ lui o non è lui? – chiede per esempio @fabri20fabri -. Almeno facci sapere se è attapirato”.

twitter: @gigi_gno

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Roma, palazzi di 11 piani vicino ai reperti archeologici di 650mila anni fa

next
Articolo Successivo

Funerali don Gallo, il pianto di Genova. Fischi e “Bella ciao” contro Bagnasco

next