“Fino ad oggi pensavamo si trattasse di una specie definitivamente estinta, invece siamo in grado di mostrarvi l’ultimo esemplare di panda comunista”. La voce, dal tono documentaristico, è quella di Michele Santoro. “Vauro sta morendo di solitudine”, annuncia il giornalista in un video che mostra la faccia del vignettista. Poi la spiegazione: l’appello è un censimento per scovare gli ultimi panda comunisti d’Italia, rara specie di cui  Senesi fa parte. “Sarà davvero questa creatura così brutta e malandata l’ultimo esemplare rimasto?”, si chiede Santoro.

Ora sarà possibile capirlo. Tutti coloro che si considerano parte di questa specie, infatti, potranno riconoscersi e censirsi: basta andare all’indirizzo serviziopubblico.it/pandacomunisti e registrarsi, lasciando i propri dati o anche inviando una foto. Il tutto per non far soffrire più di solitudine Vauro, e realizzare così il piu facile dei censimenti di tutti i tempi, il “censimento ecologico” dei panda comunisti italiani. Un contatore online, infatti, permetterà di essere aggiornati in tempo reale sul numero dei panda comunisti iscritti e certificati. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il Fatto del lunedì: cambio sesso, cambio vita

prev
Articolo Successivo

Il Fatto del lunedì: ragazzi di Satana e Genova “orfana” di don Gallo

next