Il debito pubblico italiano segna un nuovo record a marzo. Nei 30 giorni considerati, secondo i dati diffusi dalla Banca d’Italia, si è attestato a quota 2.034,7 miliardi di euro, segnando un nuovo picco dopo i 2.022,7 miliardi raggiunti a gennaio 2013, mentre a febbraio era sceso a 2.017,6 miliardi. L’indebitamento è quindi aumentato di 17,11 miliardi rispetto a febbraio 2013 e di 79,6 miliardi rispetto a marzo 2012. Bisogna considerare, tuttavia, che via Nazionale misura lo stock di debito mentre ai fini del rispetto dei parametri europei il dato che conta è il rapporto percentuale tra il debito e il prodotto interno lordo.

L’aumento su base mensile, spiega Bankitalia, “riflette principalmente il fabbisogno del mese di marzo (21,8 miliardi, inferiore di 3,8 rispetto a quello dello stesso mese dell’anno precedente). Tale fabbisogno, elevato per fattori stagionali, è parzialmente controbilanciato dalla diminuzione di 3,8 miliardi delle disponibilità liquide del Tesoro (a 45,9 miliardi)”.

Salgono intanto anche le entrate tributarie. Nel primo trimestre dell’anno, sempre secondo i dati della Banca d’Italia, si sono attestate a quota 83,829 miliardi, in leggero rialzo (+0,79%) rispetto allo stesso trimestre del 2012. Mentre nel solo mese di marzo – come risulta dal supplemento al bollettino statistico di via Nazionale dedicato alla finanza pubblica – le entrate sono state pari a 26,04 miliardi, in lieve calo (-0,7%) rispetto ai 26,23 miliardi incassati a marzo dell’anno scorso.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fornitore in crisi ferma le consegne e Fiat stoppa la produzione

next
Articolo Successivo

Crolla la produzione industriale in Italia: -5,2 per cento rispetto al 2012

next