Sparatoria nel corso della parata per la Festa della Mamma a New Orleans, dove 19 persone sono rimaste ferite. Tra loro ci sono due bambini di 10 anni ed entrambi sembrerebbero essere in buone condizioni. Altre tre persone, invece, sono gravi. Intanto prosegue la caccia a due o tre sospetti, che la polizia avrebbe visto fuggire subito dopo la sparatoria.

Secondo le autorità non si tratta di un atto di terrorismo, ma di violenza di strada, un problema sempre più grave nella città più popolare della Louisiana. La polizia sta dando la caccia a tre sospetti che sono fuggiti dopo gli spari. “Questi fatti non devono rimanere senza risposta”, ha dichiarato il sindaco della città, Mitch Landrieu, in una conferenza stampa davanti all’ospedale dove sono stati condotti i feriti. “Qualcuno sa cosa è successo. L’unico modo di fermare questa violenza è che ci aiuti”, ha aggiunto, invitando i cittadini a collaborare con la polizia. Mary Beth Romig, portavoce dell’Fbi, ha dichiarato che si tratta “di un atto di violenza di strada”, escludendo l’ipotesi di un attacco terroristico.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Attacco a Bengasi, “verità insabbiate”. Lo scoop che mette a rischio Hillary

prev
Articolo Successivo

Coste, Spagna chiama Italia: nuovo attacco dei signori del cemento

next